divendres, 18 de novembre de 2011

Yung Wen our Italian friend from Taiwan





Volem agrair a Yung WEn la seua visita i tot el que ens havia ensenyat, ens hem conegut per l'italià, llengua que ens atrau tant a ella com a nosaltres. Vam gaudir molt amb tot el que ens va contar del seu país, escoltant-la cantar en la seua llengua, aprenent a escriure els nostres noms en xinés tradicional, usar els palets per a menjar com ho fan ells, comunicant-nos en l'anglés que coneguem i posant en marxa tots els nostres recursos...




Ara pasem a tindre contacte virtual, ja que ens separa una gran distància tant en l'espai com en el temps. Ells comencen el dia quan nosaltres encara estem descansant.

Us deixem amb les seues dedicatòries i en les reflexions que ens va dedicar respecte a la importancia de l'aprenentatge de les llengües:

"Imparare le lingue è come aprire una porta in più: per conoscere meglio questo mondo, non restare soltanto nel proprio paese, nel solito modo di pensare.

Grazie alla nuova tecnologia il mondo ormai è globalizzazato, la distanza tra gli paesi non sono così lontani come una volta.

Sapendo una lingua in più come aprire 3 porte diverse, hai tanti modi di pensare diversamente che la gente normale, e così la visione verso il mondo sarà più aperta, quando la gente sa comunicare bene evitano le guerre, gli scontri, e ha pazienza di ascoltare, di capire i diversi popoli, senza pregiudizio, e quello più importante è imparare come rispettare le persone diverse da se stesse.

I bambini possono e hanno possibilità di migliorare il loro mondo, basta avere una educazione addatta.

Anni fa sembrava difficile per comunicare tra diversi razzi, ma adesso abbiamo tutta la scelta davanti, perché scegliere di chiudere le porte invece di aprirle?

YUNG WEN